Installazione di una porta scorrevole telescopica con traversa orizzontale

Realizzata e installata per la prima volta in Europa da IMER Automazioni a Firenze, nel famoso Museo Nazionale del Bargello, una porta automatica che apre nuovi scenari di business nel settore degli ingressi automatici.

La porta scorrevole telescopica con una traversa curvata è stata realizzata partendo da una normale traversa orizzontale, poi curvata meccanicamente in ben tre punti.

Sembrava irrealizzabile, eppure, dopo quasi due anni di studi e prototipi portati avanti nel massimo riservo, è stata finalmente realizzata grazie alla collaborazione con l’Istituto Tecnico Lavorazione dei Metalli, di Ginevra.

La Direzione del Museo da tempo chiedeva la realizzazione di una porta automatica curvilinea con vetri telescopici antieffrazione per permettere un accesso controllato in una sala dove sono esposti preziosi capolavori del Rinascimento realizzati da Donatello, Michelangelo e dal Cellini.

La particolare conformazione dell’ingresso di questa sala non permetteva l’installazione di una porta curvilinea tradizionale, in quanto il raggio di curvatura è variabile su scala logaritmica.

Lo sviluppo del progetto è stato affidato all’Università di Ginevra e ad IMER Automazioni, socio del Consorzio Aprico, già introdotto nel Museo con altre porte automatiche scorrevoli.

E’ stato realizzato uno speciale banco ergonomico per la lavorazione e la curvatura meccanica controllata dei traversi, normalmente in commercio, con cui si sono poi sperimentate tutte le attività di curvatura.

“Sono stati due anni di intenso lavoro – ha affermato Riccardo Pratesi, GM di IMER Automazioni – che hanno messo a dura prova tutte le nostre capacità tecniche. In quaranta anni di esperienza nel settore degli ingressi automatici non abbiamo mai visto nulla del genere. Il progetto ci è parso folle ma la nostra passione nella ricerca di soluzioni speciali ci ha dato la motivazione per proseguire. Ma finalmente abbiamo visto la nuova porta scorrevole con una traversa curvata in 3 punti, funzionare perfettamente. La soddisfazione degli ingegneri dell’Università e del Direttore del Museo, ci hanno appagato di tanta fatica.”

Rivolgetevi ad Aprico se avete progetti che sembrano impossibili. Noi, specialisti degli ingressi automatici, troveremo la soluzione.

Per cercare il tuo referente Aprico contattaci.