13 luglio 2021

Con la Brexit, in Inghilterra, sono crollati gli acquisti di pasta italiana.

Coldiretti: “Ha ragione Bonucci: forse questa carenza ha pesato sulle performance della nazionale inglese”

Dopo la Brexit gli acquisti di pasta italiana da parte degli inglesi sono crollati del 25%.  Sono i dati che emergono da un’analisi dell’associazione di categoria basata sui dati Istat relativi ai primi tre mesi del 2021.

“Questi risultati, afferma con umorismo la Coldiretti nel Comunicato, confermano la validità della frase rivolta agli inglesi dal campione Europeo Leonardo Bonucci “Ne dovete mangiare ancora di pastasciutta”’.

Coldiretti continua con ironia: “Una carenza alimentare che forse ha pesato sulle performance sportive della squadra inglese, che non ha potuto contare sulle qualità nutrizionali della dieta mediterranea che fa bene alla salute e all’umore come scientificamente provato. Non è un caso che l’Italia sia il Paese con il più elevato consumo di pasta per un quantitativo di 23,5 chilogrammi a testa ma in buona posizione si classifica anche l’Argentina (8,7 chilogrammi) vincitrice della Copa America”.

Aprico favorisce la produzione di pasta grazie alle sue porte rapide specifiche per il settore alimentare.

Nelle immagini: Porte rapide Aprico Steel Flex con sistema auto- riparante

Struttura in acciaio zincato o inox. Automazione con Inverter

 

Caratteristiche:

  • Autoriparabilita? del telo
  • Dimensioni vano di passaggio standard fino a 8000x8000. Maggiori dimensioni su richiesta
  • Elevate velocita? di apertura, fino a 2 m/s
  • Telo standard in fibra sintetica spalmato in PVC – 1100 g/m2
  • Teli opzionali: Coibentati | Antistatico | Certificati per uso alimentare
  • Contrappeso opzionale per ri apertura porta in caso di black-out
  • Versione con guide rinforzate per ambienti con forti venti o depressioni

L'installazione è stata curata da Automatic System Bari, in un noto pastificio italiano.

Contattaci per scoprire le porte rapide Aprico più indicate per soddisfare le esigenze della tua azienda.

Condividi su: